Le Materie Prime

Le materie prime pregiate sono il segreto dei profumi più preziosi. È per questo che Christian Dior ha sempre fatto appello agli ingredienti della migliore qualità per dare vita alle sue creazioni olfattive.

Le materie simbolo dei profumi Dior

LA ROSA DI MAGGIO
Coltivata a Grasse, la Rosa Centifolia o Rosa di Maggio – il mese della sua fioritura - ha un profumo delicato, potente ed immediatamente riconoscibile che rievoca la mimosa. Simbolo di Christian Dior, è presente in tutti i profumi della Maison. Si trova in particolare in J’adore l’Or.

IL GELSOMINO SAMBAC
Simbolo della dolcezza femminile, il gelsomino è uno dei fiori preferiti dal Parfumeur. La sua delicatezza lo rende già di per sé un profumo. Costituisce la nota di cuore di Miss Dior, J’adore, Grand Bal, Diorissimo…

«E poi è nato Miss Dior. È nato in una di queste sere di Provenza illuminate dalle lucciole dove il gelsomino verde fa da controcanto alla melodia della notte e della terra.» Christian Dior

IL NEROLI
È distillando i fiori d'arancio amaro che si ottiene l'essenza di neroli. Il fiore d'arancio permette di enfatizzare alcune note fruttate nei profumi floreali. Il neroli fa esplodere tutta la sua opulenza in Escale à Portofino, J’Adore, Milly-la-Forêt…

IL BERGAMOTTO DI CALABRIA
Raccolto nel sud dell'Italia, il bergamotto apporta ai profumi una freschezza dolce ed acidula. La si ritrova in Eau Sauvage, Escale à Portofino, Eau Fraîche, Cologne Royale, Diorella…

IL PATCHOULI
Originario dell'Indonesia e della Malesia, il patchouli è una pianta fondamentale nella palette del Parfumeur. Il suo odore forte è caratteristico dei profumi chypre, legnosi ed orientali. Lo si ritrova in Miss Dior, Dioressence, Patchouli Impérial, Gris Montaigne…

LA TUBEROSA
Importata dall'India in Europa verso il 1600, la tuberosa è una pianta erbacea con grappoli di fiori bianchi particolarmente profumati. Apporta un cuore floreale inebriante a Poison e sboccia anche in New Look 1947.

L'IRIS DI TOSCANA
L’assoluta di iris è uno dei prodotti più preziosi della palette del Parfumeur. Il suo processo di estrazione è tanto lungo quanto delicato. Il suo odore, molto presente, sviluppa accenti verdi e polverosi. L'iris è nelle note di cuore di Dior Homme, J’Adore Voile de Parfum, Bois d’Argent…

Le famiglie olfattive

GLI ESPERIDATI
Gli esperidati raggruppano tutte le fragranze a base di agrumi. Leggere e gioiose, sono note fresche ed acidule.
Escale à Portofino, Eau Sauvage, Dior Homme Sport, Cologne Royale

I FLOREALI
I floreali sono spesso a base di rosa. I più ricchi sono a base di fiori bianchi ed inebrianti come il gelsomino, la tuberosa, il fiore d'arancio o l'ylang-ylang.
J’Adore, Poison, Dolce Vita, Dior Addict, Dune, Diorissimo, Diorella, New Look 1947, Grand Bal

I CHYPRE
I chypre sono profumi inizialmente costruiti su un accordo di bergamotto e note fiorite inebrianti con un fondo legnoso spesso costituito da muschio di quercia, da patchouli e da labdanum.
Miss Dior, Eau Fraîche,  Gris Montaigne

GLI ORIENTALI
Gli orientali sono dominati da un mix di vaniglia, note di balsami e di resine quali la fava tonka, la cumarina o l'opopanax, cui si mischiano note di legno, spezie o fiori.
Hypnotic Poison, Dior Addict, Dioressence

Nel cuore dei profumi Dior, materie d'eccezione

«Le materie prime, è da lì che tutto ha inizio», spiega François Demachy. Continuando una lunga tradizione di eccellenza, il Parfumeur-Créateur della Maison ha fatto degli ingredienti di eccezione il segno distintivo delle sue creazioni. Dior ha sviluppato partnership esclusive con produttori selezionati accuratamente in tutto il mondo affinché François Demachy lavori sempre con le migliori materie esistenti.

Partnership esclusive per la trasformazione

La trasformazione dei fiori e delle materie prime è oggetto di una cura estrema che permette di conservarne ed esaltarne tutte le qualità olfattive.
A Grasse, dove crescono la rosa ed il gelsomino dei profumi Dior, si trova la fabbrica storica Robertet che ne assicura la trasformazione in essenze preziose, in stretta collaborazione con François Demachy.
È necessaria una quantità vertiginosa di fiori : servono 3000 kg di rose per ottenere 1 kg d’essenza, e 600 kg di gelsomino, o 6 milioni di fiori, per ottenere 1 kg di assoluta.

La filosofia Dior, uno sviluppo responsabile

Dior riserva una grande importanza alla provenienza delle sue materie prime. La Maison stabilisce con i produttori una relazione di fiducia e controlla sistematicamente tutte le materie prime dalla raccolta al loro arrivo alla "cave" di Saint-Jean-de-Braye, fino al momento in cui vengono incorporate in un profumo. Dior è a favore dello sviluppo sostenibile: i produttori con un approccio costante vengono privilegiati.

Per valorizzare sempre più le materie prime e coloro che le producono, Dior ha intrapreso il progetto di rilanciare la coltivazione e l'utilizzo, a Grasse, di piante dimenticate come la tuberosa, fiore solforoso che ha fatto il successo di Poison.