DIORMAG

25 Luglio
eventi

Diario di viaggio

Dal tragitto a bordo del Dior Express fino all’inaugurazione della mostra Dior, the Art of Color, torniamo sui momenti più salienti del viaggio ad Arles di Bella Hadid, Winnie Harlow e delle altre amiche della Maison.

Questo mercoledì mattina, Bella Hadid, Winnie Harlow, Jeanne Damas, Sonya Esman e molte altre si sono ritrovate a bordo del Dior Express, un vagone ferroviario che per l’occasione si è vestito dei colori della Maison. Destinazione: sud della Francia, e più precisamente Arles, dove ogni anno si svolge questo appuntamento imperdibile nel mondo dell’arte. Gli invitati della Maison si ritrovano nella Grande Halle, un edificio emblematico della città dalla facciata in metallo lavorato, per assistere all’anteprima di una coreografia di L.A. Dance Project, il collettivo fondato dal ballerino Benjamin Millepied. Il pomeriggio prosegue con un altro evento culturale, la visita della mostra Annie Leibovitz: les premières années 1970-1983/Archives Project #1, organizzata dal programma di archivi fotografici della Fondazione LUMA, di cui Dior è sponsor. La giornata termina a pochi chilometri di distanza, in piena natura, con una cena al suono delle chitarre a La Chassagnette, un ristorante stellato i cui alimenti biologici provengono dal giardino. La blogger francese Adenorah, sling-back J’adior ai piedi, visita le piantagioni, Winnie Horlow posa sorridente davanti alla fontana in pietra… L’indomani, dopo una mattinata trascorsa a curiosare tra le mostre o a scoprire la città vecchia, gli ospiti si ritrovano con Annie Leibovitz al pranzo organizzato dalla fondazione LUMA e Dior in una villa della Camargue circondata dal verde. Il soggiorno ad Arles termina con il vernissage della mostra Dior, the Art of Color. Dopo una seduta fotografica con Peter Philips, Bella Hadid, Winnie Harlow, Louise Follain e gli altri amici della Maison scoprono i film dagli accenti espressionisti di Serge Lutens, le fotografie dall’estetica sensuale di Tyen e le immagini che rendono omaggio al colore ideate da Richard Burbridge e Peter Philips. 

24 Luglio
eventi

Annie Leibovitz ad Arles

Focus sulla mostra Annie Leibovitz, the Early Years, 1970-1983: Archive Projetc #1, da scoprire ad Arles fino al 24 settembre. Questa retrospettiva a cura del programma di archivi della fondazione LUMA, di cui Dior è sponsor, mostra i primi anni di carriera della fotografa americana. 

Di lei si conoscono soprattutto questi ritratti in cui riesce a cogliere la personalità e l’intimità di alcuni VIP - Michael Jackson immortalato nel pieno di un movimento di danza, Demi Moore che posa incinta e nuda in uno scatto che ha fatto scandalo, la regina Elisabetta II in famiglia al castello di Windsor… Si ricordano anche le sue immagini diventate iconiche che ritraggono la borsa Lady Dior a New York, nel 2009. Attraverso la mostra Annie Leibovitz, the Early Years, 1970-1983: Archive Projetc #1, la fondazione LUMA, sostenuta da Dior, svela un’epoca meno nota dell’opera della fotografa. Annie Leibovitz ha scelto e installato nella Grande Halle di Arles oltre cinquemila immagini degli inizi della sua carriera, ripercorrendo la sua evoluzione dal momento in cui ha iniziato la collaborazione con la rivista Rolling Stone, nel 1970. Gli scatti colgono istanti della vita quotidiana. Si ritrova la famosa immagine di John Lennon che abbraccia Yoko Ono, scattata poche ore prima dell’omicidio della star; ritratti di Bob Dylan, con il viso dissimulato dietro le mani od occhiali neri; reportage sulla tournée dei Rolling Stones nel 1975, i Beach Boys in pieno relax californiano, Louis Armstrong che suona la tromba nella sua casa e molti altri ancora.

24 Luglio
eventi

La mostra Dior, the Art of Color ad Arles

Nel quadro dei Rencontres de la Photographie che si svolgono fino al 24 settembre prossimo ad Arles, nel sud della Francia, la Maison presenta nella Galerie du Cloître la mostra Dior, the Art of Color. Un invito a scoprire o a riscoprire i legami tra Dior e il colore attraverso immagini che mettono in scena le creazioni di Serge Lutens, Tyen e Peter Philips.

Un look nude punteggiato di verde puro su labbra e palpebre, come un manifesto, firmato Peter Philips; un make-up stilizzato che ricorda le tele di Amadeo Modigliani, immaginato da Serge Lutens; un viso adornato da fili nelle sfumature del blu di Tyen e molti altri ancora... Tra le mura di pietra della Galerie du Cloître, il make-up Dior si mostra in tutte le sue sfumature, attraverso i look e le serie di fotografie più rappresentative dei creatori che si sono succeduti alla direzione del make-up della Maison. Un'arte del colore da scoprire anche nel libro Dior, L'Art de la couleur, edito da Rizzoli.

24 Luglio
eventi

Dior ai Rencontres d’Arles

Dal 1970, è l’appuntamento immancabile degli amanti della fotografia. I Rencontres d’Arles si svolgono quest’anno dal 3 luglio al 24 settembre, con una quarantina di esposizioni da scoprire in diversi luoghi emblematici di questa città nel sud della Francia. La Maison è giunta in città attraverso la mostra Dior, the Art of Color, presso la Galerie du Cloître, ma anche con il sostegno degli archivi fotografici della fondazione LUMA, che per questa edizione hanno scelto di presentare l’opera della fotografa Annie Leibovitz. Resta connessa per scoprire questi eventi sulle orme di Bella Hadid, Winnie Harlow e molti altri, invitati dalla Maison ad Arles il 5 e 6 luglio scorsi.

22 Luglio
VIP

Il savoir-faire del corteo di Miranda Kerr 

Appuntamento negli atelier Baby Dior, dove è stato ideato l’abito indossato dalla bambina del corteo in occasione del matrimonio di Miranda Kerr. Una creazione vaporosa ispirata all’abito della sposa e immaginato dalla Direttrice Artistica Cordelia de Castellane.

Più articoli