DIORMAG | DIORMAG

23 Maggio
novità

Bella e Chiara

Chi meglio di Bella Hadid per rispondere a un’emergenza di bellezza? Ritrova Chiara Ferragni, che si rivolge al volto del make-up Dior alla ricerca di consigli per essere perfetta in pochi minuti prima di uscire.

23 Maggio
VIP

Cannes, scalinata – giorno 6

22 Maggio
eventi

Dior a Cannes – Pedro Almodóvar

È probabilmente il più brillante dei registi spagnoli: Pedro Almodóvar presiede la giuria di questa settantesima edizione del Festival di Cannes. Torniamo sui legami che lo uniscono da lungo tempo a Dior.

Come Hitchcock a suo tempo, Pedro Almodóvar è uno dei registi contemporanei più legati alla scelta dei costumi, al significato del loro colore e al ruolo essenziale che rivestono spesso nei suoi film. Delle sue eroine appassionate non supervisiona soltanto la recitazione ma anche l’abbigliamento, e le creazioni Dior possiedono tutto il glamour necessario ai suoi personaggi. Si ricorda il tailleur in lanetta rossa indossato da Penélope Cruz mentre cade dalle scale nel film Gli abbracci spezzati (2009). Per Julieta, in concorso a Cannes nel 2016, il regista si rivolge nuovamente alla Maison con creazioni che riprendono i suoi colori emblematici: dal nero e dal rosso Dior agli accenti espressionisti. L’attrice Michelle Jenner, alias Bea, elegante giornalista, amica d’infanzia della figlia di Julieta, spunta casualmente nella sua vita alla fine di una strada in un elegante pullover dolcevita nero e bianco della collezione autunno-inverno 2015. Più avanti, in questo film di passione e dramma, sfoggia un tailleur Bar rosso fiammante. Bea si impone come una donna distinta fin negli accessori, dagli orecchini Dior Tribale agli stivaletti di vernice passando per la borsa Diorama che firma la sua silhouette.

22 Maggio
Patrimonio

Dior a Cannes - Claudia Cardinale

Per la sua 70a edizione, il Festival di Cannes si regala la giovinezza, la gioia e la sensualità trionfante di Claudia Cardinale, star del manifesto del suo anniversario. Ritratto di questa icona del cinema, legata alla storia della Maison Dior.

Su queste foto degli anni ‘60 scattate nella boutique del numero 30 di Avenue Montaigne, il fascino e la bellezza dell’attrice di origine siciliana allora ventenne si uniscono alla creatività di Christian Dior. Cinema e make-up sono intimamente legati al punto che nel 1974 viene lanciata una linea appositamente ideata per il mondo cinematografico: si tratta della linea Visiora che riscuote un successo immediato e che comprende soprattutto un rossetto mat che non riflette la luce dei riflettori. Simbolo di femminilità e sensualità, Claudia Cardinale adotta questa linea “Make-up Cinema televisione” e la utilizzerà sia sul grande schermo che in città.

Figurare sul manifesto ufficiale del prestigioso festival del cinema è un bell’omaggio a questa attrice impegnata, rivelata in Francia in Cartouche (1962), in cui dà vita a una coppia particolarmente seducente con Jean-Paul Belmondo. Proiettata alla ribalta con il successo internazionale della Pantera Rosa, l’attrice stringe prestigiose collaborazioni con i più grandi. Prima Federico Fellini con il film in cui ha un ruolo da diva la cui bellezza buca lo schermo. Poi Visconti, che svela il suo fascino sfolgorante nel mitico film Il Gattopardo, premiato con la Palma d’oro nel 1963. Diventata un’icona internazionale, la ritroviamo con Richard Brooks (I professionisti), Sergio Leone (C'era una volta il West), è la stella de Le pistolere, al fianco di Brigitte Bardot, e ne Il clan dei marsigliesi (nuovamente con Jean-Paul Belmondo). Gli anni ‘80 la confermano come una star mondiale. Un Leone d’oro alla Mostra di Venezia nel 1993 e un secondo omaggio al festival di Berlino nel 2002 salutano la sua carriera di centocinquanta film. 

22 Maggio
Savoir-Faire

Il savoir-faire della mise di Jessica Chastain

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

  • ©

    Sophie Carre

Più articoli