16.04 IN PRIMO PIANO

SULLE ORME DI RAF SIMONS

FILMATO

Dior and I , il documentario realizzato da Frederic Tcheng e proiettato il 17 aprile al apertura del Tribeca Film Festival, a New York, ripercorre le sette settimane che hanno segnato l’esordio di Raf Simons nella Maison Dior.

Siamo al numero 30 di Avenue Montaigne, a Parigi, alla vigilia della prima sfilata haute couture di Raf Simons per Christian Dior, il 1° luglio 2012. In un atelier nel sottotetto vengono apportati gli ultimi ritocchi agli abiti, poi il caratteristico “pop” del tappo dello champagne che salta attira gli artigiani nel laboratorio: è ora di fare una pausa. Dopo sette intense settimane, Raf Simons si confida: «Grazie di avermi accolto nella vostra famiglia ». Gli spettatori sono i testimoni privilegiati della nascita di una nuova donna-fiore, un omaggio a quella comparsa nella presentazione della prima collezione di Christian Dior, il 12 febbraio 1947. Il regista Frederic Tcheng (che ha co-diretto anche Diana Vreeland: l'occhio deve viaggiare , uscito nel 2011) ha assistito al rinnovo delle tradizioni e dello spirito Dior. Dalla scoperta degli archivi alle prove, è un’immersione discreta nella nuova vita dello stilista. Ma è anche una testimonianza eccezionale: di passaggio a Granville per visitare la casa d’infanzia del couturier, Raf Simons rivela che non ha voluto proseguire nella lettura dell’autobiografia Christian Dior & moi  perché vi ritrovava dei parallelismi sorprendenti tra la sua esperienza e quella dello stilista fondatore. 

In effetti i due uomini condividono le stesse passioni: Raf Simons è sempre stato attratto dagli anni Cinquanta e dal contesto creativo del dopoguerra, proprio l’epoca in cui Christian Dior creò la sua Maison imponendo il suo linguaggio rivoluzionario. Altra somiglianza, l’amore per l’arte contemporanea: lo stilista è un appassionato delle opere contemporanee di Sterling Ruby, proprio come Monsieur Dior, ai suoi tempi, collezionava i disegni di Christian Bérard ed esponeva i quadri di Pablo Picasso nella sua galleria. E soprattutto, hanno entrambi una visione moderna della donna, al passo con i tempi.

ALTRI MEDIA

PRESENTE IN : IN PRIMO PIANO