Il savoir-faire dell’abito di Wang Likun | DIORMAG

10 Maggio
VIP

Giorno 3

In occasione del 71° Festival di Cannes, Penelope Cruz, Lupita Nyong’o, Celina Jade, Adele Wismes e Vincent Lacoste hanno indossato le creazioni della Maison.

  • ©

    Getty Images

    Penelope Cruz

  • ©

    Getty Images

    Lupita Nyong’o

  • ©

    Getty Images

    Celina Jade

  • ©

    Getty Images

    Adèle Wismes

  • ©

    Getty Images

    Vincent Lacoste

10 Maggio
Patrimonio

Jennifer Lawrence e Dior

Volto della Maison, Jennifer Lawrence incarna e rafforza l’unione di Dior con il cinema. Il Festival di Cannes è l’occasione perfetta per ripercorrere questa complicità.

©

Brigitte Lacombe

Nel 2013, ha scelto di ricevere il suo primo Oscar con una creazione Dior. Nominata migliore attrice per il suo ruolo nel film Il lato positivo, Jennifer Lawrence sale sul palco con indosso un abito bustier bianco della collezione haute-couture primavera-estate 2013. Da allora, la Maison non ha mai smesso di accompagnarla nei momenti salienti della sua carriera.
La stessa complicità si ritrova anche nelle campagne pubblicitarie. Esuberante davanti all’obiettivo di Brigitte Lacombe, mentre indossa gli abiti della collezione prêt-à-porter primavera-estate 2018 per Dior Magazine, femminile e irresistibile nel film per il rossetto Dior Addict Lacquer Stick nel 2017, interpreta ogni ruolo con l’elegante armonia che riflette lo spirito della Maison.

09 Maggio
Savoir-Faire

Il savoir-faire dell’abito di Wang Likun

09 Maggio
Savoir-Faire

Il savoir-faire dell’abito di Carey Mulligan

09 Maggio
VIP

Giorno 2

In questo secondo giorno del Festival di Cannes, Carey Mulligan, Kiko Mizuhara e Wang Likun hanno salito la scalinata del Palais indossando creazioni della Maison. 

  • ©

    Getty Images

    Carey Mulligan

  • ©

    Getty Images

    Kiko Mizuhara

  • ©

    Getty Images

    Wang Likun

09 Maggio
Patrimonio

Eau Sauvage, una leggenda sul grande schermo

L’ode al cinema di un profumo cult.

Nel 1966, nasce Eau Sauvage. Immaginata da Edmond Roudnitska, la prima fragranza maschile della Maison ha tutto del manifesto olfattivo. Pervasa di aromi freschi, questa creazione raffinata e potente esprime i nuovi valori maschili dell’epoca. Quelli che incarna la nuova generazione di uomini: eleganti, impetuosi e desiderosi di giocare con la seduzione, rendono Eau Sauvage la firma della loro virilità decisa.

 

Assurta al rango di classico, questa creazione intramontabile incontra nel 2009 un altro mito. Attore dal fascino animale e dalla bellezza solare, al tempo stesso faccia d’angelo e atteggiamento da canaglia, Alain Delon presta, in quell’anno, il suo viso alla scia apparendo in uno scatto in bianco e nero degli inizi della sua carriera. Simbolo degli anni ‘60 e di una giovinezza in piena effervescenza, l’attore e il profumo, icone eterne, scriveranno insieme l’inizio di una lunga storia. Sigillando i legami tra Dior e la settima arte, Eau Sauvage si ispira ai suoi ruoli al cinema. Nel 2011, è una scena de La Piscina, torrido thriller del 1969 firmato Jacques Deray, in cui lo si vede steso ai bordi di una piscina, a fare da sfondo alla campagna video. Un anno più tardi, per Eau Sauvage Parfum, lo si ritrova in un altro estratto. Questa volta, accanto all’attrice Romy Schneider, con cui forma una coppia di star, sullo schermo e nella vita, incarna con tutta la sua ardente sensualità questa fragranza piena di sole.


Nel 2015, è il suo ruolo di eroe ne I tre avventurieri, girato da Robert Enrico nel 1967, a mostrarlo sul grande schermo per la campagna di Eau Sauvage Cologne. Tenero bad boy, presta la sua virilità quasi insolente a questa scia piccante. Nel 2017 vengono svelate delle foto, scattate durante le riprese de I tre avventurieri, che ritraggono Alain Delon e la sua compagna Nathalie, complici e innamorati. Il magnetismo cinematografico di Delon continua a scrivere la leggenda di Eau Sauvage.

08 Maggio
VIP

Giorno 1

Per la cerimonia d’apertura del sessantunesimo Festival di Cannes, l’attrice Isabelle Adjani ha indossato un abito in crêpe di seta e tulle ricamato, immaginato da Maria Grazia Chiuri per la Maison. 

©

Getty Images

Più articoli