Sfilata Ready-To-Wear Autunno-Inverno 2022-2023

Online il 1º marzo alle 15:00 (CET)

L’azione di Maria Grazia Chiuri in ogni collezione transita tra la stratificazione della storia Dior e la pulsazione di quel presente continuo della moda che contiene il futuro: un tempo proprio che è quello della simultaneità. The Next Era* è il titolo del lavoro dell’artista Mariella Bettineschi, ideato per la sfilata prêt-à-porter Dior autunno-inverno 2022-2023. 

Looks

01 / 83

Tecnologia e haute couture

  • Con la collezione prêt-à-porter Dior Autunno-Inverno 2022-2023, Maria Grazia Chiuri apre una nuova era. Attraverso lo straordinario incontro di spettacolare maestria artigianale e innovazione tecnica, le intramontabili icone della Maison, tra cui l’inconfondibile giacca Bar, subiscono una metamorfosi.

    © Melinda Triana

Creazioni che fanno la storia

  • Le iconiche décolleté nate della collaborazione fra Roger Vivier e Christian Dior tornano in una nuova rivisitazione che unisce tradizione e innovazione. Ispirate agli indimenticabili modelli degli archivi, queste calzature riaffermano ancora una volta le possibilità del ricamo, forma d’espressione condivisa da Monsieur Dior e Maria Grazia Chiuri, combinandolo con inserti in tessuto tecnico che danno prova di una grande versatilità artigianale.

    © Melinda Triana  © Roger Vivier  © Gherardo Felloni  © Chanakya

Fonti d’ispirazione

Con uno sguardo sempre rivolto alla storia della Maison, le creazioni della collezione prêt-à-porter Dior Autunno-Inverno 2022-2023 di Maria Grazia Chiuri nascono dall’intreccio di estetica e tecnologia. Un’affascinante esplorazione di passato, presente e futuro.

© Sophie Tajan

Stile ibrido

The Next Era

  • Impreziosita dalle opere di Mariella Bettineschi, la scenografia della sfilata è trasformata in una galleria d’arte, punteggiata da ipnotici ritratti in bianco e nero. Un’atmosfera tranquilla che si riappropria delle figure femminili appartenenti alla storia della pittura per metterle sotto i riflettori. Un set più vivo che mai che supera i canoni della moda e dei musei, esaltando l’audacia sperimentale di questa collezione.

    Per saperne di più