Lady Dior As Seen By

Vera e propria dichiarazione di stile, la borsa Lady Dior si caratterizza per la sua naturale poliedricità, come mostrato durante Lady Dior As Seen By, un’esposizione online che accende i riflettori sulle opere ispirate da questa intramontabile icona e firmate da una selezione di artisti contemporanei provenienti da tutto il mondo. La Maison Dior invita il pubblico a immergersi in questa coinvolgente odissea moderna animata dalla passione creativa, senza lasciare le mura domestiche.

Morgane Tschiember

  • Omaggio all’architettura moderna, l’opera di Morgane Tschiember intitolata MONUMENT, datata 2012, è la prima scoperta in questo viaggio estetico verso un’altra dimensione. Calcestruzzo, vetro e metallo vengono modellati per trasformare questo emblematico accessorio in un’imponente struttura. Con le sue linee pure e minimaliste compensate da giochi di trasparenze, l’opera irradia la luce in modo poetico e ipnotico, creando un magico istante di fuga e introspezione al di fuori dei confini del tempo. 

    Kum Chi Keung

    • In occasione della retrospettiva online della mostra Lady Dior As Seen By organizzata dalla Maison, l’opera di Kum Chi Keung, poeticamente intitolata Lady Bird, trasforma questa iconica borsa in una scultura animata che evoca un meraviglioso uccello. L’artista, da sempre appassionato delle tradizionali gabbie per uccelli cinesi, reinterpreta questo simbolo cardine del suo linguaggio creativo facendolo parlare attraverso il motivo Cannage, il codice Dior per eccellenza. In questo affascinante gioco di creazione, la naturale bellezza del bambù incontra la raffinatezza delle linee scultoree della Lady Dior. Un invito a lasciarsi coinvolgere dall’universo quasi onirico di questo progetto esclusivo.

    OLYMPIA SCARRY

    Creazione di Olympia Scarry datata 2016, l’opera Le Palais si erge alla stregua di un maestoso modello della “residenza” Lady Dior. Autentica celebrazione di una favola moderna, la scultura reinterpreta le linee scultoree di questa e di altre icone senza tempo che hanno scritto la storia del numero 30 dell’Avenue Montaigne. Il cemento sublima l’inconfondibile grigio Dior, mentre i pannelli rotondi in vetro completano il distintivo motivo Cannage grafico della Maison. Intimità, futuro incantato e una tradizione comune convergono in questo spazio speciale ideato dall’artista svizzera, apprezzata per le sue opere che sottolineano la materialità della memoria, testimoniando una storia degna di una o più leggende. 

    Wanda

    • Affascinati dall’audacia creativa di Christian Dior, l’architetto Inti Vélez Botero, il designer Daniel Mancini e l’artista Iris Joval, il trio di menti che danno vita allo studio di design barcellonese Wanda, hanno immaginato una versione cartacea dell’intramontabile Lady Dior. Coniugando la tradizione dell’origami con il disegno in 3D, la loro opera a tre strati, Espace-Object-Sensation, attraverso la poesia della mano trasforma questo materiale di uso quotidiano in un’opera dal fascino strepitoso. La Wandaful Bag presentata nella mostra online della Maison, Lady Dior As Seen By, reinventa la struttura dell’emblematico motivo Cannage attraverso un gioco di trasparenze, ricercatezza e profondità.

      Ran Hwang

      • Ispirata dallo scorrere del tempo, dal visibile e dall’invisibile, in occasione della mostra itinerante Lady Dior As Seen By l’artista Ran Hwang ha immaginato una scultura in piena fioritura. Una pioggia di boccioli di pesco si riversa sull’icona di Dior, formando deliziosi punti rossi e neri, instillati attraverso un processo ripetitivo e meditativo. Con le sue straordinarie qualità fuggenti, la creazione dell’artista presentata nella retrospettiva online della mostra rivela l’infinita bellezza della natura, conferendo a questo simbolo intramontabile un’essenza unica e sempre innovativa. Quest’opera coinvolgente, con la sua magnetica trasparenza, invita il pubblico a lasciarsi meravigliare di fronte all’innata e accattivante poesia della vita. 

        Oh You Keung

        Nell’opera Moving Bag, presentata nella retrospettiva online della mostra, Oh You Kyeong punta ad approfondire i tanti volti di questa icona moderna. Circondate da specchi rotti e curvi, le linee scultoree e l’intreccio Cannage si mostrano con volti diversi a seconda della prospettiva dell’osservatore, riflettendo l’ambiente tutto attorno con la mimica, come per magia. Attraverso questi materiali riflettenti, l’ipnotica scultura moltiplica immagini e interpretazioni, trasformando questo simbolo in una misteriosa e ammaliante rappresentazione del mondo.